top of page

Ideologia

3 anni - "HARMOS"
 

Questa riforma "Harmos" ha portato dei cambiamenti sostanziali, l’iscrizione alla Scuola dell'Infanzia, per i bambini di tre anni diventa 

facoltativa e diventa obbligatoria a partire dai quattro anni compiuti, con la possibilità di iniziare a frequentare un anno facoltativo solo se il bambino ha compiuto i tre anni entro il 31 luglio (1).

Di conseguenza ci sono molti bambini (tutti i bambini nati fra agosto e dicembre) che si ritrovano in questa situazione con l'obbligo di dover posticipare l'inizio della Scuola dell'Infanzia o a frequentare l'anno facoltativo in base alla disponibilità di posti della SI del proprio comune.

[1] Art. 18
1 Sono ammessi alla scuola dell’infanzia i bambini residenti nel comune o nel consorzio che,

all’apertura della scuola, hanno compiuto entro il 31 luglio il terzo anno di età; in deroga a questo termine

possono essere iscritte – su richiesta motivata dell’autorità parentale – anche le persone che compiono

entro il 30 settembre il loro terzo anno d’età.(In Ticino sarà possibile a partire dall’anno scolastico 2014/15

chiedere una deroga per i nati di agosto e settembre. I genitori interessati dovranno fare una richiesta

scritta e motivata da indirizzare agli ispettorati).

 

Istinto vitale del bambino

 

I bambini di tre anni hanno grandi potenzialità, potenzialità che devono essere alimentate giorno dopo giorno, attraverso corretti stimoli di natura visiva, sonora, motoria... é importante, quindi, fin da subito, scoprire queste potenzialità e coltivarle nel tempo con l'intento di migliorarle, verso una corretta scolarizzazione del bambino.

"E’ certo che per il bambino l’attitudine al lavoro rappresenta un istinto vitale, perché senza lavoro non si può organizzare

la personalità […] l’uomo si costruisce lavorando, effettuando lavori manuali in cui la mano è lo strumento della personalità,

l’organo dell’intelligenza e della volontà individuale, che edifica la propria esistenza di fronte all’ambiente”.

Il bambino lavora, non gioca, nulla di ciò che compie va perduto e nulla di ciò che fa è casuale: quando si muove ha degli scopi da raggiungere e la sua è quindi attività intelligente. l bambino è un lavoratore instancabile fin dalla nascita, dice Maria Montessori.

Con i nostri laboratori vogliamo dare la possibilità, ai bimbi, di frequentare corsi specifici e ben strutturati, costruiti nel rispetto delle loro esigenze personali, in modo da poterli accompagnare,  passo a passo, verso la crescita della sua individualità, personalità, e intelligenza.

 

Le finalità dei nostri laboratori sono quelle di promuovere:

  • il benessere emotivo-affettivo, attraverso il consolidamento dell'identità di sé, degli altri e dell'ambiente che li circonda;

  • l'autonomia e accrescere l'autostima e la capacità di riconoscere ed esprimere emozioni e sentimenti;

  • l'apprendimento per sviluppare ed acquisire delle competenze (immaginazione, pensiero, linguaggio, disegnare, colorare...);

  • lo sviluppo motorio attraverso il gioco e la motricità relazionale;

  • il gioco e le attività all'aria aperta;

  • ...

Vogliamo offrire, ai genitori, la possibilità di poter iscrivere il proprio bambino in una struttura idonea, dove possono essere guidati e stimolati in modo adeguato e nel rispetto del ritmo di ciascun bambino.

Il genitore sarà consapevole di lasciare i propri figli, in una struttura educativa adatta a loro, studiata in base alle loro esigenze, dove potranno imparare a rapportarsi alla quotidianità e dove inizieranno ad avvicinarsi al mondo della Scuola dell'Infanzia.

La nostra struttura vuole offrire un progetto educativo, divertente ma ben strutturato nel pieno rispetto delll'esigenza del bambino e della sua famiglia.

Metodo educativo

      

"Il bambino cresce con l’esercizio: la sua attività costruttiva consiste in un autentico lavoro che materialmente sorge

dall’ambiente esterno. Il bambino si esercita e si muove facendo esperienze: così coordina i propri movimenti e

va registrando le emozioni, provenienti dal mondo esterno, che plasmano la sua intelligenza, così va faticosamente

conquistando il proprio linguaggio con miracoli d’attenzione e sforzi iniziali che a lui solo sono possibili,

e con irrefrenabili tentativi riesce a reggersi in piedi e a correre”. (M. Montessori)

L'apprendimento dei bambini avviene in molteplici e diversi contesti, esterni all'ambiente scolastico, nei quali il bambino scopre e apprende spontaneamente, attraverso un apprendimento informale.

 

Le attività proposte, nei nostri laboratori, sono molteplici e inerenti a più temi, questo per facilitare i bambini a trovare un elemento di interesse personale, dal quale poter partire verso la scoperta di sé, di chi e che cosa li circonda.

Ogni bambino, se inserito in situazioni che lo incuriosiscono e che gli interessano, non smetterà mai di imparare, non perderà mai l'entusiasmo e la voglia di scoprire e arricchire il proprio bagaglio culturale, "fa parte del suo istinto vitale", (M. Montessori).

"Learning by doing" - Imparare facendo

La figura dell'educatore ricopre un ruolo fondamentale, crea un contesto idoneo, ludico e stimolante, ovvero permette al bambino di sperimentare, mettersi alla prova e di sbagliare per arrivare alla scoperta di sé stesso, della sua personalità e dei suoi ambiti di interesse.

Riteniamo importante l'interazione di diversi metodi di insegnamento: dal metodo Montessori, alla programmazione per sfondo integratore, alla conosciuta programmazione lineare. Questo perché, Il metodo non è mai assoluto, parte dalle esigenze del gruppo ma può essere modificato in base alle esigenze dei singoli e del gruppo stesso, ci piace partire con un’idea di base che poi viene completata ed arricchita da diversi tipi di attività/proposte.

bottom of page